giovedì 23 aprile 2015

Voi che salirete sull'Antola....


Passo delle Tre Croci
Si erano fermati per rifocillarsi ; erano arrivati al paese stanchi ma soddisfatti i quattro uomini che tornavano a casa per Natale.
Era la vigilia e a Vegni avevano trovato calore ed accoglienza; le donne indaffarate nei preparativi, i bambini eccitati per l'imminente festività.
Ma i quattro montanari erano solo di passaggio, ancora poche ore di cammino e sarebbero giunti al loro paesino , alle loro case e famiglie.
Dopo un bicchiere di vino, un pò di calore del fuoco, dopo quattro chiacchiere , si erano rifiutati di pernottare a Vegni e ripartire il giorno dopo.
Volevano arrivare in tempo per la Messa di mezzanotte, per tirar fuori i regali per i loro bambini. Volevano trovarsi in Chiesa con i compaesani, sentire la propria donna vicina.
Ma da Vegni alla costa le cose non si misero bene.
La neve era alta , il vento gelido mozzava il fiato e ammucchiava neve sul sentiero ostacolando il cammino.
Arrancavano nella salita e a poco a poco sentirono salire uno strano torpore e una grande stanchezza. Sulla costa decisero di sostare un pochino, c'era ancora tempo per la mezzanotte! ..........................
............................................................
Mentre le campane suonavano l'ultimo avviso per la Messa , in paese entra barcollando un uomo paralizzato dal freddo e dalla paura.
Tutti partono alla ricerca degli altri tre; solo le donne restano in chiesa a pregare.
Voi , che salirete allegri sull'Antola ...ad un certo punto troverete un pianoro con tre croci.È un posto tranquillo e dolce, ideale per una sosta. Tre rozze croci di legno di faggio poste tanti anni fa ricordano le tre vittime della tormenta.

Tratto da un racconto di Franco Berruti - da Il Borbera

venerdì 17 aprile 2015

Partono...

Partono, sperando di essere accolti in un paese cristiano e buttano a mare dei compagni di sventura soltanto perchè si professano cristiani.
L'odio, quello vero, dilaga ma dai musulmani nei confronti dei cristiani. E qualche volta si tramuta in strage. E se ai cristiani non sta bene e protestano, c'è sempre qualcuno pronto a dire che non bisogna odiare.
Ai cristiani lo dicono, ma ci rendiamo conto?
Aver arrestato quegli schifosi non è un atto di odio ma di giustizia e per completarlo dovrebbero farli restare in galera fino al ritorno di Maometto sulla terra.
In ogni modo se non si reagirà - con equità e giustizia, ma di reazione dovrà trattarsi - questi barbari presto avranno la meglio sul nostro modo di concepire la vita terrena e ultraterrena e ripiomberemo nel medioevo più buio.
Essere accoglienti è un dovere di ogni buon cristiano. Essere scemi o indifferenti è una imperdonabile colpa.
Capito, Matteo Renzi?


Benito C.